CONI TRENTO LOGO

"ll CONI detta principi per promuovere la massima diffusione della pratica sportiva inogni fascia di età e di popolazione, con particolare riferimento allo sport giovanile sia per i normodotati che, di concerto con il Comitato Italiano Paralimpico, per i disabili ferme le competenze delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano in materia" - Titolo I, articolo 2, comma 3, Statuto Comitato Olimpico Nazionale Italiano


"Il CONI promuove la massima diffusione della pratica sportiva, anche al fine di garantire l’integrazione sociale e culturale degli individui e delle comunità residenti sul territorio, tenendo conto delle competenze delle Regioni, delle province autonome di Trento e Bolzano e degli Enti locali" - Titolo I, articolo 3, comma 1, Statuto Comitato Olimpico Nazionale Italiano


"Il Comitato regionale promuove ed attua iniziative a livello regionale per il perseguimento dei fini istituzionali, coordina l'attività dei Delegati provinciali e vigila sull'andamento generale delle rispettive attività; a tal fine promuove la predisposizione di programmi di attività in cooperazione con i Delegati medesimi, ne verifica le compatibilità finanziarie e li trasmette alla Giunta Nazionale per l'approvazione e per l'assegnazione dei relativi fondi; controlla l'esecuzione dei relativi programmi" - Titolo III, articolo 15, comma 3, Statuto Comitato Olimpico Nazionale Italiano

"I trentini che praticano sport nel tempo libero sono circa 210.000, vale a dire oltre il 44% della popolazione con un’età di almeno tre anni. Di questi, circa 120.000 lo fanno in maniera continuativa e 90.000 saltuariamente. Questi primi dati offrono un quadro molto “vitale” dello sport provinciale. Rispetto al resto della penisola, i trentini praticano, infatti, decisamente più spesso attività fi siche: se la quota di italiani che fanno sport con una certa continuità è di circa uno su cinque (20,2%), per la provincia di Trento sale ad uno su quattro (25,4%)" - I trentini e lo sport, Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica

 

IL NOSTRO COMITATO

Desideriamo essere al servizio dello sport e condividerne i valori al di là delle norme, degli articoli, degli statuti. Lo sport è bellezza, armonia, valori, esperienza di crescita individuale e per l'intera comunità. Abbiamo la fortuna di vivere l'esperienza ludico-motoria in un ambiente unico, vario ed invidiato in tutto il mondo. Basta pensare a quella palestra chiamata "Dolomiti" già culla di tante discipline estive ed invernali.

Vogliamo tradurre in pratica ideali e disposizioni. Vogliamo essere veicolo di promozione, supporto, formazione per le numerose società e per tutti gli sportivi trentini di ogni classe ed età.

Vogliamo dare risalto ai nostri impianti sportivi, offrire la nostra consulenza per avere campi di gara sicuri e a norma.

Vogliamo accompagnare i giovani nel loro percorso di avviamento alla pratica sportiva per evitare il loro precoce abbandono. Formazione e conoscenza sono in questo processo parole chiave. Ecco il ruolo primario della Scuola Regionale dello Sport.

Vogliamo essere incubatore di nuove idee e progetti. Talenti 2020 - il progetto dello sport giovanile italiano, ne è la dimostrazione. Talento sportivo, territorio, marketing si fondono per elevare le qualità dei migliori atleti giovanili a livello nazionale.

C'è questo e molto altro dietro al nostro lavoro che vi invitiamo a scoprire e ad approfondire.