Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) dell'11 giugno 2020 in riferimento all'art.1, lettere d), e), f), g) e h) introduce alcuni aggiornamenti in merito allo svolgimento di eventi sportivi, la pratica dello sport di contatto e le attività dei comprensori sciistici.

Permane il "rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività".

A partire dal 12 giugno - vedi lettera e) -; eventi e competizioni sportive indoor e outdorr di interesse nazionale e le competizioni organizzate da organismo internazionali sono consentiti in assenza di pubblico "nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate ed Enti di Promozione Sportiva, al fine di prevenire o ridurre il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano".

Dal 25 giugno come stabilto alla lettera f) "consentito lo svolgimento anche degli sport di contatto nelle Regioni e Province Autonome che, d’intesa con il Ministero della Salute e dell’Autorità di Governo delegata in materia di sport, abbiano preventivamente accertato la compatibilità delle suddette attività con l’andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori, in conformità con le linee guida di cui alla lettera f per quanto compatibili"

Riprendono anche le attività dei comprensori sciistici le quali "possono essere svolte a condizione che le regioni e le province autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi; detti protocolli o linee guida sono adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali e comunque in coerenza con i criteri di cui all'allegato 10 (vedi testo Dpcm)".



Con la Delibera n° 799 dell'11 giugno la Giunta della Provincia Autonoma di Trento fornisce Linee Guida approvate in data 9 giugno dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative.
Le indicazioni per piscine e palestre si rifanno ai provvedimenti già emessi dalla Conferenza entrate in vigore il 22 maggio scorso. La Delibera PAT contiene a tal proposito alcune schede tecniche esaustive riguardo l'attività sportiva all'aperto e le pratiche che devono essere messe in atto dai gestori degli impianti sportivi.

Banner 2