Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il Decreto Legge "Cura Italia" del 17 marzo 2020, avente oggetto “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, indica alcune importanti misure a sostegno del nostro sistema sportivo.

SOSPENSIONE DEI VERSAMENTI – Art. 61

Delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, IVA in scadenza a marzo 2020

Il regime di sospensioni – previsto per il settore turistico – viene esteso in favore di:

  • federazioni sportive nazionali,  enti  di promozione  sportiva,  associazioni e società sportive, professionistiche e dilettantistiche;
  • gestori di stadi, impianti sportivi, palestre, club e strutture per danza, fitness/culturismo, centri sportivi, piscine/centri natatori, centri per il benessere fisico;
  • gestori di sale da ballo, sale gioco/biliardi, scommesse;
  • organizzatori di eventi sportivi;
  • gestori di scuole di vela/navigazione/volo;
  • gestori di funicolari/funivie/cabinovie/seggiovie/ski-lift;
  • gestori di servizi di noleggio di attrezzature sportive.

I versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione.

Per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e le società sportive, professionistiche e dilettantistiche, il versamento delle ritenute, nonché dei contributi previdenziali e assistenziali  e dei premi per l’assicurazione obbligatoria è effettuato in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione in massimo 5 rate mensili di pari importo a decorrere da giugno 2020.

SOSPENSIONE VERSAMENTI CANONI PER IL SETTORE SPORTIVO – Art. 95

È disposta la sospensione dei termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali, per le federazioni  sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e le società sportive,  professionistiche  e dilettantistiche, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato.

I versamenti dei predetti canoni sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in  un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020, o mediante rateizzazione in massimo 5 rate mensili di pari importo a decorrere da giugno 2020.

INDENNITÀ COLLABORATORI SPORTIVI – Art. 96

La norma prevede un’indennità per i rapporti di collaborazione già in essere alla data del 23 febbraio 2020 “presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società  e  associazioni sportive dilettantistiche” di cui all’art. 67, comma 1, lettera m), del decreto del Presidente della Repubblica  22 dicembre 1986, n. 917, che non concorre alla formazione del reddito. L’indennità è quella prevista per i  professionisti  e  lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa  e   corrisponde   a  600 euro  per  il mese  di marzo

Le domande degli interessati sono presentate a Sport e Salute S.p.A.

Le modalità di presentazione delle domande saranno individuate con decreto del Ministro dell’Economia e delle

Finanze, di concerto con l’Autorità delegata in materia di sport, da adottare entro 15 giorni dalla data odierna. Con  lo stesso decreto verranno definiti i criteri di gestione del fondo e le forme di monitoraggio della spesa e del relativo controllo.


Per ulteriori informazioni: Ufficio per lo Sport - Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Banner 2