Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

xenia-palazzo-argento-londra.jpgAgesc Trentino in collaborazione con il Comune di Trento organizza giovedì 23 gennaio alle 17.30 nel salone di rappresentzanza di palazzo Geremia un incontro con la giovane nuotatrice paralimpica Xenia Francesca Palazzo.

 

Un’occasione per conoscere l'atleta, i traguardi raggiunti grazie alla sua forza di volontà e alla tenacia con la quale ha affrontato tutte le sfide della vita.

 

Xenia nasce a Palermo il 29 aprile 1998 e subito deve combattere per vivere contro una vasta emorragia celebrale causata da una coagulazione intravasale disseminata, una condizione incompatibile con al vita.

 

Dalla straordinaria sopravvivenza a questo dramma nasce il suo amore per l’acqua, come racconta lei stessa: “Mia mamma mi ha portato a tre mesi a fare terapia in piscina. Prima c’erano solo i silenzi e poi man mano si è accesa una scintilla. Da lì è partito tutto. Da una semplice terapia è diventato un amore per uno sport che pratico ancora adesso”.

 

Oggi Xenia vive a Verona e gareggia con il Verona Swimming Team. Atleta con disabilità fisica, che le causa difficoltà nella deambulazione, ha fatto il suo esordio in una gara ufficiale nel 2012. Si è diplomata all’Istituto Marco Polo di Verona; nel tempo libero le piace ascoltare la musica e leggere libri. A Rio 2016 ha esordito in una paralimpiade, conquistando due finali con un 6 e 8 posto nei 200 stile e 100 dorso. Nell’estate del 2018 ai campionati europei di Dublino, ha conquistato due titoli europei nei 200 misti e 400 stile e due argenti nei 50 e 100 stile. Ai mondiali di Londra 2019 ha conquistato l’argento ai 400 stile libero.

 

La prossima sfida saranno i Giochi Olimpici di Tokyo 2020: “Con l’amore dei miei genitori, sono qua. Cammino, parlo, sogno in grande cercando di non pormi limiti. Sostenetemi, seguitemi, fate il tifo non solo per me ma anche per gli altri ragazzi. Gli atleti paralimpici sono sempre con il sorriso. Siamo come una grande famiglia e nonostante le tante difficoltà, siamo sempre felici, positivi, facciamo del nostro meglio e ci divertiamo tantissimo!”.

 

L'evento ha ottenuto il patrocinio del CONI - Comitato Provinciale di Trento.

Banner 2