Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

trofeoCurling? Sport simpatia. Il Trentino però non scherza e sale sul gradino più alto del podio grazie al Team Trentino Curling composto da Amos Mosaner, Sebastiano Arman, Daniele Ferrazza ed Andrea Pilzer. La formazione cembrana al 100%, capitanata da Mosaner, ha conquistato domenica scorsa a Berna il Grand Prix Bern Inter Curling Challenge, prova del World Curling Tour, Coppa del Mondo di disciplina. Le “stone” trentine sono scivolate veloci e precise sul ghiaccio svizzero che prevedeva il format del “triple-knockout”: le formazioni rimangono in corsa per i playoff decisivi per l’assegnazione della vittoria finché non si perdono tre partite.

Il cammino dei giocatori trentini si è rivelato tutt’altro che semplice: avvio positivo con una vittoria 8-3 contro la compagine elvetica di Uzvil poi la sconfitta 6-1 con i padroni di casa di Berna. E’ a questo punto che il quartetto trentino rialza la testa e trova la forza per mandare “in casa” stone pesanti: vittoria 7-5 contro la Spagna, vittoria 8-4 contro gli svizzeri di Zug con il successo 8-4 contro gli elvetici di Glarus a sancire l’accesso ai playoff. Le vittorie 6-5 contro la Germania, 7-3 contro il San Gallo ed in finale all’extra end con gli scozzesi di Brydone hanno regalato il gradino più alto del podio al Team Trentino Curling. Un successo che eleva il prestigio internazionale della squadra che può contare sull’esperienza olimpica di Mosaner, Ferrazza e Pilzer che in quel di PyeongChang pochi me fa hanno vestito la maglia della Nazionale.

«Siamo felicissimi di questa vittoria che per noi è un grande risultato», ha commentato il “front-end” Andrea Pilzer.  «E’la prima volta che vinciamo un torneo del World Curling Tour  riportando un team italiano alla vittoria dopo molti anni. Non sapevamo cosa aspettarci prima dell’evento. Il successo in Svizzera conferma la qualità del lavoro fin qui svolto».

bann sportdiclasse

Banner 2